AZIONI PROGETTUALI a.s. 2016/2017

------------------------------------------------------

PROGETTO DI ATTIVITA' ALTERNATIVA 2016/2017

 

--------------------------------------------------

-------------------

 

PROGETTI D'ISTITUTO A.S. 2015/2016

 

“PIANO NAZIONALE PER IL POTENZIAMENTO DELL’ORIENTAMENTO E CONTRASTO ALLA DISPERSIONE SCOLASTICA”

L’Istituto aderisce al Bando “Piano nazionale per il potenziamento dell’orientamento e contrasto alla dispersione scolastica” presentato dalla ReteCostell@zioni

FINALITÁ delProgetto:

promuovere un’efficace azione di prevenzione e contrasto della dispersione scolastica e definire un sistema di orientamento continuo che sostenga gli studenti nella scelta relativa all’indirizzo  scolastico successivo

L’obiettivo prioritario sarà quello di approfondire le metodologie e le pratiche di contrasto alla dispersione e promuovere un’efficace attività di orientamento, attraverso strumenti didattico educativi e iniziative di sensibilizzazione degli studenti basate anche sull'utilizzo delle tecnologie digitali.

 

PROGETTO   PEDAGOGICO CLINICO PER L’ORIENTAMENTO

Il Progetto si articola su tutte le classi III medie dell'Istituto,organizzate dai coordinatori delle varie classi e dalle funzioni strumentali per l’orientamento.

La scelta di un Progetto Pedagogico clinico per l’Orientamento nasce da molteplici riflessioni e da una attenta lettura sia dei bisogni individuali che del contesto territoriale ed ambientale dell’utenza, cioè dei nostri ragazzi e delle loro famiglie. L’orientamento scolastico e professionale viene generalmente definito come l’attività il cui compito fondamentale è quello di guidare lo studente verso la scelta scolastica e professionale ritenuta la più adatta, tenendo conto di attitudini, potenzialità e reali possibilità sia riguardo alle competenze acquisite dallo studente, che alle opportunità offerte dal contesto familiare e territoriale.

 

“PIANO DI AZIONI E INIZIATIVE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DICYBER-BULLISMO”

L’Istituto aderisce al Bando “Piano di azioni e iniziative per la prevenzione dei fenomeni di cyber-bullismo” presentato dalla Rete Costell@zioni

FINALITÁ delProgetto:

Prevenire e ridurre il fenomeno del cyber-bullismo e rendere gli alunni e le alunne responsabili della propria sicurezza in Rete, acquisendo le competenze necessarie all’esercizio di una cittadinanza digitale consapevole.

Il Progetto intende promuovere una riflessione sulle tematiche della sicurezza on-line e favorire l’integrazione delle tecnologie digitali nella didattica, per garantire un uso consapevole e corretto della Rete attraverso la costruzione di strategie finalizzate a rendere Internet un luogo più sicuro.

 

PROGETTO GALILEO

Percorso di formazione pluriennale “in servizio” degli insegnanti per favorire il “benessere” e il successo degli alunni a scuola

Il Progetto coinvolge tutte le sezioni delle Scuole dell’Infanzia dell’Istituto.

OBIETTIVI ESSENZIALI DELPROGETTO

  • Garantire il successo formativo a tutti glialunni.
  • Lavorare alla costruzione del pensiero di ciascuno, portandolo al massimo possibile
  • Lavorare alla costruzione delle competenze e conoscenze disciplinari di ciascuno, sempre al massimo livelloi ndividuale.
  • Formare docenti attraverso laricerca/azione.
  • Formare docenti e genitori attraverso seminari interattivi.
  • Formare docenti e genitori attraverso le consulenze sucasi particolari.

 

PROGETTO EINSTEIN

Screening di prevenzione della dislessia nelle Scuole Primarie finalizzate all'inclusione/integrazione di tutti glialunni

Con le altre istituzioni scolastiche  facenti parte della Rete “Costellazioni”, anche nel corrente anno scolastico, l’Istituto realizza il Progetto Einstein, finalizzato alla promozione del successo formativo e alla prevenzione del disagio scolastico attraverso:

  • individuazione precoce delle difficoltà di letto-scrittura  ecalcolo;
  • rafforzamento delle competenze;
  • integrazione di soggetti tramite attivazione di laboratori di ricerca e sviluppo.

Il progetto Einstein è nato con lo scopo di individuare fin dal primo anno della Scuola Primaria i soggetti a rischio DSA attraverso strumenti didattici testati e di proseguire nell’accompagnamento e nel sostegno di questi alunni intervenendo su ambiti disciplinari diversi.

Negli anni, attraverso un attento lavoro di ricercazione da parte del gruppo di progetto e di tutti i docenti che ne hanno sviluppato il percorso, si è cercato di acquisire conoscenze e buone pratiche in modo da poter affrontare non solo i casi a rischio DSA, ma anche di dare risposta ai bisogni di tutti quei bambini che presentano difficoltà nella lettura, scrittura, comprensione e calcolo.

Le insegnati referenti del progetto fanno parte anche dell’équipe di ricercazione istituita dalla rete “Costellazioni” che si prefigge di produrre strumenti didattici e formulare buone pratiche condivisibili e fruibili da tutti gli insegnanti dell’ Istituto.

 

Progetto Regionale “BENESSERE A SCUOLA: PROMOZIONE DELLA SALUTE E LIFE SKILLS EDUCATION IN AMBITO SCOLASTICO”

Patrocinato dall’Azienda USL 5 di Pisa e dalla Società della Salute della Valdera, che prevede  percorsi formativi (rispettivamente di base eavanzato)

Per docenti sulla metodologia delle Life Skills per il raggiungimento dei seguenti obiettivi formativi:

  • formare i docenti che siano in grado di applicare strumenti metodologici per la promozione della salute in ambito scolastico;
  • aumentare le conoscenze teoriche e le competenze tecniche sui programmi di Educazione alla Salute basati sulle metodologie Life- Skills e Peer Education, sulla progettazione e valutazione degli stessi

Percorsi rivolti agli alunni promossi dalla Società della salute dellaValdera

  • Progetto - Imparare a conoscere per salvare la vita nostra e deglialtri
  • Progetto  “presentazione consultorio adolescenti”
  • Progetto Educazione alimentare e sani stili di vita

 

EDUCAZIONE ALIMENTARE- PROGETTO“FRUTTI…AMO”

Il progetto nasce col fine di avvicinare le giovani generazioni a frutta e verdura non soltanto come alimenti buoni da mangiare perché ricchi di vitamine e sali minerali ma in quanto pillole di cultura buone da pensare, da conoscere, da usare e da giocare.

Il progetto  prevede  attività didattiche disciplinari  einterdisciplinari:

  • che privilegino un approccio creativo, trasversale rispetto alle varie discipline
  • che prevedano un coinvolgimento delle emozioni e deisensi: bontà, profumi, colore e  ricchezza nutrizionale e culturale.

OBIETTIVI:

  • Sviluppare dei comportamenti adeguati rispetto ad una corretta alimentazione.
  • Conoscere, degustare ed apprezzare la frutta di ogni stagione e del territorio. attraverso i sensi.
  • Acquisire conoscenze relative alla frutta.
  • Riflettere sull’importanza del consumo della frutta

 

BANDO TEATRO IN CLASSE: PROGETTO “EDUCARE ALLA TEATRALITÁ”

L’Istituto partecipa al Bando "Promozione del teatro in classe anno scolastico 2015/2016", promosso dal MIUR con il Progetto “Educare alla teatralità“

Destinatari: N° classi 22 di Scuola Primaria per un totale di  384 alunni N° 13 classi di Scuola Secondaria per un totale di 230 alunni

Docenti coinvolti nella formazione e nelle attività con gli alunni30

La proposta progettuale parte dall’idea di concepire il teatro come un viaggio dentro sé stessi e dentro il mondo, per la costruzione di un “Mondo Altro”  fatto di sogni, desideri epossibilità.

Il progetto  si articola in sei percorsi che prevedono attività laboratoriali da proporre alle classi di Scuola Primaria e Secondaria dell’Istituto Comprensivo, a seconda delle diverse esigenze didattico-educative e formative degli alunni, da svolgersi anche attraverso l’attivazione di incontri in orario extrascolastico sia negli spazi scolastici, che nei teatri di zona. Tali laboratori saranno guidati dai docenti di classe conpluriennale esperienza di laboratorio teatrale e da esperti (docenti dell’Istituto con competenze specifiche e/o esperti provenienti dalle Associazioni locali indicate); la fruizione di spettacoli teatrali nei tre teatri comunali presenti sul Territorio e/o nei teatri cittadini di Pontedera “Teatro Era”, di Pisa “Teatro Verdi”; la formazione dei docenti; la condivisione delle esperienze e la loro socializzazione e disseminazione mediante la produzione di adeguata documentazione

 

PROGETTO “ UNA SCUOLA BESTIALE”

“Una Scuola bestiale” è un progetto di zooantropologia  didattica“.

La zooantropologia didattica si basa sul principio che il rapporto con un animale permetta al bambino di immagazzinare tutta una serie di modelli cognitivi utili per l’attivazione di validi repertori relazionali, cognitivi ed emozionali. Questa disciplina intende educare i bambini ad un corretto rapporto con gli animali e utilizza questo rapporto, ritenuto unico ed insostituibile per l’uomo, a scopo educativo.

Nello specifico, il progetto “ Una Scuola bestiale” , promosso dall’Unione Valdera, si pone tre ordini di obiettivi generali:

EDUCATIVI, riguardanti la formazione generale del bambino: aumentare l’immaginazione, incrementare l’autostima, migliorare la coordinazione motoria, favorire i processi cognitivi, accompagnare il ragazzo verso l’empatia

DIDATTICI, riguardanti le attività che possono migliorare  la partecipazione del bambino alla vita scolastica e le dinamiche di lavoro collaborative o di gruppo: migliorare attenzione e concentrazione, creare un centro d’interesse, favorire l’interdisciplinarietà, rapportare realtà scolastica e domestica…

DISCIPLINARI, concernenti alcune conoscenze di base sull’alterità animale e sull’interazione uomo-animale ma anche conoscenze specifiche secondo il progetto: migliorare la conoscenza di uno o più animali, insegnare il modo corretto di approcciarsi adessi

 

SPORT E SCUOLA COMPAGNI DI BANCO

Il progetto “Sport e scuola compagni di banco vuole raggiungere gli obiettivi di una maggiore diffusione dell’educazione fisica nelle scuole primarie sia attraverso la previsione dello svolgimento del tirocinio obbligatorio nelle scuole di studenti e laureati del Corso di laurea in scienze motorie sport e salute provenienti dalle Univerisità toscane, sia attraverso laureati che mettano a disposizione la propria esperienza professionale. L’obiettivo è la diffusione di una cultura della salute e di una buona forma fisica degli alunni fino all’acquisizione permanente di stili di vita salutari in un momento che vede crescere in modo preoccupante la tendenza all’obesitànell’infanzia.

In Toscana la Regione, in accordo con il Ministero, il Coni e le Università, ha dato  il via a questa attività

Altre iniziative nellescuole:

PROGETTO SPORT DI CLASSE

L’obiettivo è la valorizzazione dell’educazione fisica e sportiva nella scuola primaria per le sue valenze trasversali e per la promozione di stili di vita corretti e salutari, favorire lo star bene con se stessi e con gli altri nell’ottica dell’inclusione sociale, in armonia con quanto previsto dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del I ciclo d’Istruzione, di cui al Decreto Ministeriale 16 novembre 2012, n. 254.

  • PROGETTO NON SOLOSPORT
  • PROGETTO TIRO CONL’ARCO
  • PROGETTOPALLAVOLO

 

BANDO “PROMOZIONE DELLA CULTURA MUSICALE NELLA SCUOLA”

L’Istituto aderisce al Bando “PROMOZIONE DELLA CULTURA MUSICALE NELLA SCUOLA” presentato dalla ReteCostell@zioni Finalità:

Promuovere la cultura e l’educazione musicale nellascuola

Progetto “MUSICA SCUOLA-FARE E PENSARE LA MUSICA ASCUOLA”

Il percorso proposto inizia nella scuola dell’infanzia e si sviluppa, attraverso un cospicuo numero di esperienze il più possibile diversificate, durante tutto il ciclo di studi fino alle scuole secondarie superiori.

Finalità generale del progetto:

Valorizzare e potenziare la collaborazione attiva tra le scuole del  territorio sulla tematica della cultura e della pratica musicale.

Obiettivi generali del Progetto:

Sensibilizzare il territorio e la comunità tutta sul valore della musica quale elemento espressivo completo ed insostituibile per la formazione di tutti gli studenti;

Arricchire ed ampliare la proposta formativa riguardante la pratica e la cultura musicale nei suoi molteplici aspetti;

Favorire, attraverso la fruizione e la produzione musicale, la costruzione di buone identità attraverso l’analisi introspettiva e la crescita dell’autostima;

Accogliere le diversità come risorsa di sinergie per un fine comune

 

BANDO “IL” Inclusione e Legalità

L’Istituto aderisce al Bando “IL” Inclusione e Legalità” presentatodalla ReteCostell@zioni

Il Progetto intende educare gli studenti di tutti gli ordini di scuole, incluse nella rete, a vivere la legalità come strumento di auto-affermazione e vera libertà. Il Progetto, inoltre, intende operare per evidenziare il carattere fortemente inclusivo della cultura della legalità comestrumento per l’acquisizione di competenze di cittadinanza attiva.

 

PROGETTI COOP

“E io cosa posso fare?” Proposte educative2015/2016

Le proposte educative hanno l’obiettivo di dar vita ad un diverso punto di vista sul tema dell’impegno per una cittadinanza globale e di stimolare i ragazzi a sentirsi attori del proprio processo di apprendimento. Per un processo educativo che aiuti a crescere in un mondo complesso è importante fare esperienze anche “fuori i confini” della scuola, del loro territorio ma anche del quotidiano di ciascuno per guardare in modo nuovo e aperto la realtà.

Le esperienze proposte vogliono essere uno stimolo a scoprire e vivere insieme il territorio inteso come comunità con le sue caratteristiche e la sua storia, una comunità con le sue regole ed i suoi linguaggi nella quale la diversità è un valore anche nella costruzionedell’identità.

 

PROGETTO ACQUE TOUR 2015-2016

L’Istituto aderisce anche per l’anno scolastico 2015/16 al progetto di educazione ambientale Acque Tour 2015-2016 per la Valdera e il Valdarno Inferiore.

Acque Tour ha l’obiettivo di diffondere la conoscenza del ciclo tecnologico dell’acqua e del funzionamento del sistema idrico integrato, attraverso percorsi didattici studiati appositamente per ogni fascia del ciclo scolastico: rappresentazioni, laboratori, lezioni, visite e gite guidate agli impianti di AcqueSpA.

Questa attività si pone l’obiettivo di sviluppare una riflessione sultema dell’utilizzo razionale dell’acqua e sui comportamenti ambientalmente sostenibili.

PROGETTO “MANI IN PASTA, TESTE IN PISTA” Bando PINS, Potenziamento e innovazionedidattica

L’Istituto partecipa al Bando PINS, Potenziamento e innovazione didattica nelle scuole Rivolto a Scuole Primarie e Secondarie di primo livello con il PROGETTO “Mani in pasta, teste in pista” Percorsi sperimentali multidisciplinari per una didattica innovativa in ambito logico-matematico.

 

Il LABORATORIO DIDATTICO TERRITORIALE

Il Laboratorio Didattico Territoriale (LDT) è un’iniziativa che concorre, in quanto specifico progetto relativo alle Scienze sperimentali, al rafforzamento delle esperienze di integrazione e qualificazione del Sistema Formativo della Valdera, per rendere effettiva l’autonomia scolastica attraverso il coordinamento orizzontale e verticale degli istituti scolastici, il collegamento fra il sistema formativo territoriale e l’Università, l’integrazione con le risorse del Territorio e gli interventi  delle Istituzioni Locali. (ripreso dal sitoLDT)

Già da diversi anni molti docenti dei tre ordini di scuola aderiscono alle iniziative proposte da LDT, al fine di promuovere l’innovazione della didattica nell’ambito delle discipline scientifiche e la verticalizzazione dei percorsi curricolari. In particolare sono state elaborate numerose proposte  di didattica laboratoriale, fondate su un approccio metodologico interdisciplinare per l'acquisizione di competenze trasversali edisciplinari.

 

ROBOTICA EDUCATIVA

Il16 marzo 2015 è stato firmato l’Accordo di Rete Regionale sulla Robotica Educativa tra l’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa (capofila), la Regione Toscana e l’Ufficio Regionale Scolastico.

La Rete Regionale di Robotica Educativasi pone l’obiettivo di predisporre nuovi ed innovativi strumenti efficaci di apprendimento, senza che le attività in classe vengano considerate “extra”, ma aspirando a diventare parte integrante del curriculum scolastico, nel quale si inseriscono trasversalmente alle discipline tradizionali e in perfetta intesa con i docenti interessati e coinvolti.

In tal modo si ritiene di poter rispondere alle esigenze della società e delterritorio, mettendo in grado le scuole di potenziare la propria offerta formativa e di implementare anche nuovi processi formativi mediante l’uso di una metodologia capace di sviluppare nei giovani attitudini ecompetenze

Sintesi del progetto:

realizzazione di percorsi esperienziali di scienze, con agganci multidisciplinari per il rafforzamento dei processi logicie

l’apprendimento di competenze matematiche in un ambiente motivante e reale, mediante l’utilizzo di tecnologie informatiche.

Bisogni che la scuola intende affrontare attraverso ilprogetto:

potenziare metodologie di insegnamento/apprendimento diversificate e partecipative, privilegiando occasioni di cooperative learning, percorsi di tutoring e peer education, problem solving e percorsi diricerca-azione;

rafforzare le abilità logiche e specifiche della comprensione, dell’analisi, della risoluzione dei problemi, della valutazione critica delle situazioni, trasformando la classe in “comunità diricerca”;

potenziare e diffondere l’utilizzo della multimedialità e delle nuove tecnologie per soddisfare i diversi stili di apprendimento, facilitare l’inclusione degli alunni in situazione di svantaggio e valorizzare le eccellenze.

incrementare la quantità e la qualità degli strumenti digitali, per una loro migliore fruibilità.

Finalità  e  obiettivi di apprendimento per glistudenti:

motivare gli studenti nell’apprendimento della matematica e delle scienze. L’ambito scientifico, collegato alle sue radici storico-filosofiche, si pone come situazione ideale per compiere esperienze concrete, da cui astrarre concetti teorici matematici: la matematica e le scienze risulteranno, per gli alunni, non più come discipline astratte, ma come strumenti che li stimoleranno nella motivazione e li aiuteranno a comprendere la realtà che li  circonda;

migliorare le abilità specifiche della comprensione, dell’analisi, della risoluzione dei problemi e della valutazione critica delle situazioni;

offrire alla classe l’occasione di essere una "comunità di ricerca", ovvero un gruppo di apprendimento in cui è possibile costruire un percorso di ricerca comune attraverso il confronto dialogico, che aiuterà ad orientare in senso positivo lo sviluppo socio-affettivo;

rafforzare i processi logici e di problematizzazione della realtà, attraverso discussioni, per lo più autogestite dai partecipanti, all'interno di un quadro comune e sotto la guida di alcune domande diriferimento;

superare la frammentarietà del sapere per cogliere l’aspetto unitario che offrono le discipline scientifico-matematiche, tecnologiche elinguistiche.

 

IL MODELLO SCUOLA SENZAZAINO

Il modello Senza Zaino coniuga la ristrutturazione degli ambienti di apprendimento con una attenta revisione dei metodi di insegnamento, infatti   gli spazi e i tempi sono stati ripensati in un’otticadicooperazione e responsabilitàcondivise.

Tutti, pur in vario modo, sono attori dell’apprendere e dell’insegnare,così è possibile perseguire l’ideale di una formazione incentrata sulla dimensione della ricerca e sulla partecipazione attiva dei ragazzi, in modo che l’esperienza dell’apprendimento sia appunto condivisa tra insegnanti e alunni, sollecitando l’acquisizione di competenze essenziali come l’autonomia e la responsabilità.(ripreso dal sito di SenzaZaino)

Nel nostro Istituto, tutte le Sezioni delle Scuole dell’Infanzia di Capannoli e di Orciatico e due classi della Scuola Primaria “G. Rodari” stanno sperimentando il modello Scuola SenzaZaino.

 

PON per la Scuola 2014/2020

Il Programma Operativo Nazionale (PON) ) “ per la Scuola - Competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020 prevede finanziamenti per tre miliardi di euro (Finanziamenti strutturali europei) per:

  • il potenziamento dell’offertaformativa
  • il rafforzamento delle competenze deglistudenti
  • l’innovazione degli ambienti diapprendimento.

L’Istituto aderisce al bando Asse II Infrastrutture per l’istruzione - Fondo Europeo di Sviluppo Regionale – (FESR) per la realizzazione, l'ampliamento o l'adeguamento delle infrastrutture di rete LAN / WLAN Azione10.8.1.A1

e al bando Asse II infrastrutture per l’istruzione – Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) – obiettivo specifico – 10.8 – “Diffusione della società della conoscenza nel mondo della scuola e della formazione e adozione di approcci didattici innovativi – Azione 10.8.1 interventi infrastrutturali per l’innovazione tecnologica, laboratori professionalizzanti e per l’apprendimento delle competenzechiave. Premialità Obiettivi di Servizio – Fondo per lo sviluppo e la coesione ex delibera CIPE n. 79 del2012.

 

SUMMER SCHOOL

L’iniziativa “SUMMER SCHOOL”, realizzata in collaborazione con l’associazione londinese “The English Theatre of Europe”, offre agli alunni, a partire dalla Scuola dell’Infanzia finoalla Scuola Secondaria di 1° grado, una settimana di full immersion nella lingua inglese.

Si tratta di un’iniziativa nuova che si configura come una risposta ai bisogni formativi emergenti delle nuove generazioni. I bambini vengono coinvolti in giochi, attività teatrali, danza, mimo, etc.:il tutto esclusivamente in lingua inglese.

Questa esperienza consente agli alunni non solo di arricchire le proprie competenze linguistiche relativamente all’inglese, ma anche di realizzare uno spettacolo in lingua.

 

BANDO PROGETTO “CLIL (Contem and Language IntegratedLearning)”

L’Istituto aderisce al Bando “CLIL (Contem and Language Integrated Learning)” presentato dalla ReteCostell@zioni

Finalità delprogetto:

sensibilizzazione e diffusione della metodologia CLIL iContem and LanguageIntegrated Learning) tramite la progettazione e la sperimentazione di percorsi e/o moduli didatticiCLlL

sperimentazione di modalità didattiche, ambienti di apprendimento e pratiche di conduzione della classe innovative anche attraverso l'uso delle nuove tecnologiemultimediali

sviluppo di attività didattiche centrate sullo studente miranti al miglioramento sia di competenze linguistico-comunicative in lingua straniera sia di abilità trasversali

apprendimento di contenuti disciplinari in lingua straniera e promozione di competenze digitali sia per docenti sia perstudenti

attivazione di modalità di lavoro collaborative tra docenti di lingua straniera e docenti di disciplina non linguistica (teamCLIL)

promozione delle competenze digitali degli studenti sollecitandoil protagonismo attivo nella realizzazione di prodotti digitali come documentazione delle esperienze progettuali.

 

CORSO  di LATINO

L’Istituto aderisce all’iniziativa dell’associazione AICC di Pontedera che organizza un Corso propedeutico allo studio del latino rivolto agli alunni delle classi terze della Scuola Secondaria di primo grado finalizzato a:

promuovere lo sviluppo del pensiero, con particolare riferimento alle strutture logiche;

far acquisire la competenza tecnica riguardo alle funzioni ealle strutture della lingua;

far conoscere aspetti di civiltà latina.

 

OLIMPIADI DELLA MATEMATICA: MATHESIS

Sono ormai più di 20 anni che gli alunni delle scuole dell’Istituto Comprensivo di Capannoli partecipano con entusiasmo all’Olimpiade dei giochi logici, linguistici, matematici: un appuntamento di rilievo nazionale che si ripete ogni anno e che è promosso dall’Associazione Gioiamathesis di Gioia del Colle con il patrocinio dell’Università e del Politecnico di Bari. Gioiamathesisè inoltre ente accreditato dal Ministero della Pubblica Istruzione per la valorizzazione delleeccellenze.

Le gare ed i vari concorsi sono aperti agli studenti di tutte le età: dall’ultimo anno della Scuola dell’Infanzia fino all’Università.

Le gare consistono in una serie di test che mettono alla prova la capacità degli studenti di applicare i principi logici in qualsiasi situazione problematica e richiedono un buon livello di attenzione, ragionamento e capacità deduttive.

Queste attività sono promosse per fornire agli studenti pari opportunità di confrontare e di determinare,  con attività ludico creative, la consapevolezza delle proprieabilità..

Scopo della partecipazione  a tali iniziative è quello di saper creare per gli alunni opportune situazioni di esperienze significative anche al di fuori della propria scuola di appartenenza e di favorire negli alunni lo sviluppo delle capacità creative, organizzative e di trasferibilità delle proprie conoscenze anche in altri contesti.

 

RALLY MATEMATICO TRANSALPINO

Gara internazionale fra classi, dal terzo anno di scuola primaria al secondo anno di scuola secondaria di secondo grado (allievi da 8 a16 anni), basata sulla risoluzione di problemi di matematica.Il Rally Matematico Transalpino è’ organizzato a livello internazionale dall’«Associazione RallyMatematico Transalpino» (ARMT) , “un’associazione culturale avente lo scopo di:

promuovere la risoluzione dei problemi per migliorare l’apprendimento e l’insegnamento della matematica attraverso una gara fra classi [obiettivi del RMT DAL SITO http://rmt.diism.unisi.it/ sezione ARMT diSiena

Il RMT propone agli allievi:

  • di fare matematica risolvendo problemi;
  • di imparare le regole elementari del dibattito scientifico, discutendo e difendendo le diverse soluzioni proposte;
  • di sviluppare le capacità, oggi fondamentali, di lavorare ingruppo, caricandosi dell’intera responsabilità di ogniprova;
  • di confrontarsi con altri compagni di altreclassi. Agli insegnanti il RMTpermette:
  • di osservare gli allievi (i propri in occasione delle prove di allenamento o quelli di altre classi in occasione della garaufficiale) in attività di risoluzione di problemi;
  • di valutare le produzioni dei propri studenti e la loro capacità d’organizzazione;
  • di discutere in classe le soluzioni e di sfruttarle ulteriormente nell’attività didattica.

 

PROGETTO CONAD “ SCRITTORI DI CLASSE2”

Scrittori di Classe 2 si propone ancora una volta di promuovere attivamente la diffusione della cultura della lettura e della scrittura in Italia, che ha come obiettivo quello di allargare la base dei lettori, incoraggiando fin dall’infanzia la passione per ilibri.

Anche quest’anno il progetto è parte integrante di Insieme per laScuola,

l’iniziativa di Conad che ormai da cinque anni sostiene le scuole italiane, con la speciale raccoltache permette loro di aggiudicarsi gratuitamente materiale didattico, attrezzature informatiche e multimediali e molto altro.

PER I PROGETTI DI PLESSO SI RIMANDA ALLE PROGRAMMAZIONI DELLE SINGOLE SCUOLE

Go to top